Screen backlight on Sony Vaio VPCS11E7E with Ubuntu 10.04

Italiano | English

WARNING: This howto is meant for Sony Vaio VPCS11E7E only! If you have another model, read this post thru (Notes most of all), but don’t touch anything unless you’re well aware of what you’re doing.

I’m very sorry it took me so long to translate this, my apologies.

First off

sudo -s

we have a bunch of things to do as root.

We’re going to use the nvidia_bl module in order to set our backlight. Add the repo and install it:

add-apt-repository ppa:mactel-support/ppa
apt-get update
apt-get install nvidia-bl-dkms

very well, let’s start the game

We’re adding the module to the default modules list and we’re configuring it:

echo options nvidia_bl max_level=131072 >> /etc/modprobe.d/nvidia-bl-dkms.conf
echo nvidia_bl >> /etc/modules

Now we’re setting the default value. Type

nano /etc/rc.local

and above exit 0 paste

echo -n 32768 > /sys/class/backlight/nvidia_backlight/brightness

so it will look like this

Any problem so far? I hope not. We’ve just configured nvidia_bl, so our backlight could already be handled. But is more handy doing it with fn keys. Ok, I feel stupid to just have pointed this out.

We’re going to use a couple of script I made (= copy-pasted) for this PC.

cd /etc/acpi
wget -c http://dl.dropbox.com/u/737114/vpcs11e7e/vpcs11e7e-backlight.tar.gz
tar -xzvf vpcs11e7e-backlight.tar.gz
rm vpcs11e7e-backlight.tar.gz

This way fn keys are handled correctly by acpi. Reboot your PC or

modprobe nvidia_bl
service acpid restart

End :P

Cons:

  • default backlight is constant (read notes);
  • Ubuntu notify-osd is “loose”, but nobody cares.

Notes

I’d rather not say this is something technical, it’s just a bit more complicated than the rest of the howto. And is almost unnecessary if you have a VPCS11E7E.

How does nvidia_bl handle backlight? With

/sys/class/backlight/nvidia_backlight/brightness

which, due to this configuration

echo options nvidia_bl max_level=131072 >> /etc/modprobe.d/nvidia-bl-dkms.conf

can have values between 0 and 131072 (2^17). The scripts you downloaded are set to use 10 values starting by 4096 (in my opinion the minimum acceptable) and 131072 (which could blind someone). The default value is in /etc/rc.local (32768) and can be replaced with one of the other value in the scripts.

So what’s the problem using this with another PC?

Ok, summarizing:

  • nvidia_bl is loaded with a max value which could be card dependent; this means it could not accept 131072 or turn your backlight completely off (my case, I had to use my cellphone flashlight to read what was on screen. No kidding.);
  • fn keys aren’t mapped correctly; this is most certain. I used acpi_listen to map them right;
  • nvidia_bl could screw your dog; no flashlight will help you with this.

Source nvidia_bl: the hell, it’s been months!

Source fn keys: http://code.google.com/p/vaio-f11-linux/wiki/DisplayBacklight

Annunci

Screen resolution, VGA and HDMI on Sony Vaio VPCS11E7E with Ubuntu 10.04 (no bed of roses)

Italiano | English

UPDATE (08-30-2010): To bring TTYs back and set boot resolution, click here.

Have you succeeded in installing Ubuntu 10.04 on your Vaio? Good, now let’s deal with screen resolution and shit like that (OMG, not my politeness day!). I know that installing NVIDIA proprietary driver and manually modifying xorg.conf works, but I don’t know if NVIDIA drivers are really required. If you wish to keep nouveau drivers read this post and use it your way.

Install NVIDIA drivers by SystemAdministrationHardware drivers and when you’re asked to reboot don’t do it.

Open a terminal and type

gksu gedit /etc/X11/xorg.conf

and add lines 14 and 15 to that file, like this

Section "Screen"
Identifier      "Default Screen"
DefaultDepth    24
EndSection

Section "Module"
Load    "glx"
EndSection

Section "Device"
Identifier      "Default Device"
Driver  "nvidia"
Option  "NoLogo"        "True"
Option  "ConnectedMonitor"      "DFP-0,DFP-1,CRT"
Option  "CustomEDID" "DFP-0: /proc/acpi/video/IGPU/LCD0/EDID"
EndSection

What do those lines do?

  1. line: configures 3 possible monitors (DFP-0, DFP-1 e CRT).
  2. line: tells your graphic chip your monitor specifications (DFP-0) from an EDID generated by ACPI.

Now you can reboot and enjoy your VGA and HDMI (the latter sadly without sound at the moment).

Side effects

You will lose you virtual consoles. Well, actually they are still there, but when you switch to one of them your screen will shut down. You could try, CTRL+ALT+F1 (CTRL+ALT+F7 brings your desktop back). This is really annoying, but my eyes tell me it’s better than a wrong resolution.

This is energy saving on Linux :D

Nothing I’m aware of at the moment. This guide continues here.

Sources: obviously vaio-f11-linux, can’t remember the others.

Retroilluminazione dello schermo su Sony Vaio VPCS11E7E con Ubuntu 10.04

Italiano | English

IMPORTANTE: Questa guida tratta esclusivamente il Sony Vaio (VPC)S11E7E, se avete un modello differente potreste incorrere in forti crisi di panico (non scherzo, una volta tanto). Se volete provare comunque, leggete l’articolo e le note in fondo, ma non toccate niente fino a quando non sarete certi di quello che state facendo.

È la cosa che mi ha fatto girare le scatole più di tutte fin dall’inizio. Sony di merda.

Prima cosa da fare:

sudo -s

sì, dovremo fare un bordello di roba da root.

Per poter regolare la retroilluminazione del display useremo il modulo nvidia_bl. Aggiungiamo quindi il repo giusto ed installiamolo:

add-apt-repository ppa:mactel-support/ppa
apt-get update
apt-get install nvidia-bl-dkms

molto bene, ora comincia il divertimento.

Configuriamo le opzioni di avvio del modulo e aggiungiamolo alla lista dei moduli predefiniti:

echo options nvidia_bl max_level=131072 >> /etc/modprobe.d/nvidia-bl-dkms.conf
echo nvidia_bl >> /etc/modules

Ora dovremo fare una piccola modifica a mano. Digitate

nano /etc/rc.local

e prima di exit 0 incolliamo

echo -n 32768 > /sys/class/backlight/nvidia_backlight/brightness

in modo che il risultato sia così

Tutto ok? Molto bene, abbiamo finito di configurare nvidia_bl. Ora configuriamo i tasti funzione. Per fare ciò useremo un paio di script da me modificati per questo PC.

cd /etc/acpi
wget -c http://dl.dropbox.com/u/737114/vpcs11e7e/vpcs11e7e-backlight.tar.gz
tar -xzvf vpcs11e7e-backlight.tar.gz
rm vpcs11e7e-backlight.tar.gz

E in questo modo anche i tasti funzione sono a posto. Per godere finalmente della possibilità di regolare la luminosità dello schermo possiamo riavviare il computer o eseguire

modprobe nvidia_bl
service acpid restart

E questo è tutto, gente.

Difetti:

  • la luminosità predefinita all’avvio è fissa (leggere note);
  • la notifica di Ubuntu alla pressione dei tasti funzione è quasi sempre sballata, ma in fondo che ci frega, finalmente possiamo regolare quel faro da stadio che è il nostro schermo!

Note

Le cose che spiegherò qui potrebbero essere più complesse del solito, tuttavia se per necessità o curiosità volete dare un’occhiata, siete i benvenuti. Se tutto vi funziona senza problemi e siete soddisfatti, allora potete chiudere la pagina.

Come gestisce la luminosità nvidia_bl? Tramite il file

/sys/class/backlight/nvidia_backlight/brightness

che, poiché è stato configurato con questa opzione

echo options nvidia_bl max_level=131072 >> /etc/modprobe.d/nvidia-bl-dkms.conf

può assumere valori compresi tra 0 e 131072 (2^17). Gli script per la configurazione dei tasti funzione sono stati da me modificati per usare 10 valori compresi tra 4096 (il valore più basso che mi pareva accettabile) e 131072. La luminosità all’avvio è impostata nel file /etc/rc.local a 32768 e può essere cambiata, preferibilmente con uno dei valori presenti negli script.

Quindi che problemi ci sono ad usare questa guida con altri computer?

Dipende. nvidia_bl, come avrete capito, non è legato ai Sony Vaio, ma funziona con molti altri portatili con schede NVIDIA di nuovissima generazione. L’unico problema è che vagabondando su Google mi sono imbattuto in gente che usava valori diversi per la luminosità, che doveva configurare a mano la propria scheda nei sorgenti del modulo e ovviamente che doveva configurare diversamente gli script affinché reagissero ai propri tasti funzione. Io stesso, ingenuo, ho lanciato al primo avvio il modulo senza configurazione e mi sono trovato lo schermo praticamente spento (lo ammetto, inizialmente temevo di aver fuso qualcosa) con l’impossibilità di cambiare il valore della retroilluminazione.

Concludendo, ora avete una breve panoramica di come funziona il modulo e di quali problemi potreste trovarvi ad affrontare con PC diversi. Se avete bisogno di un aiuto possiamo provare a guardarci assieme, che in due si capisce meglio che in uno. Ah, e munitevi di una torcia potente.

PS: Mi viene un infarto al pensiero di tradurre ‘sto papiro in inglese… ._.

Fonte nvidia_bl: boh, http://www.google.com/search?&q=nvidia_bl

Fonte tasti funzione: http://code.google.com/p/vaio-f11-linux/wiki/DisplayBacklight

Sound and microphone on Sony Vaio VPCS11E7E with Ubuntu 10.04

Italiano | English

UPDATE (08-20-2010): Locking the package is no more required.

What do you need

I strongly advise you to at least do all the security updates before starting, so that you will have the latest Lucid kernel.

In a terminal type:

sudo apt-get build-dep --no-install-recommends linux-backports-modules-alsa-$(uname -r)
sudo apt-get install fakeroot
mkdir mic ; cd mic

in order to download the libraries and the programs needed to compile. As you can see I also created a mic directory, so it will be easier to get rid of the no more useful files.

Compile and install

apt-get source linux-backports-modules-alsa-$(uname -r)
wget -c http://vaio-f11-linux.googlecode.com/files/vaio-f11-mic-linein-linux-2.6.35.patch
cd linux-backports-modules-2.6.32-2.6.32/
patch updates/alsa-driver/alsa-kernel/pci/hda/patch_realtek.c ../vaio-f11-mic-linein-linux-2.6.35.patch

all in the same terminal as above! So we downloaded the sources, the patch and we applied the patch to the sources.

Add a line like this to your debian/changelog:

so that apt will think that our version is newer than the one in the repos.

We are ready to compile:

fakeroot debian/rules binary flavours="generic"

since I don’t know how to not compile linux-backports-modules-wireless, it will take a couple of minutes.

When it’s done:

sudo dpkg -i ../linux-backports-modules-alsa-2.6.32-*
rm -rf ../../mic

Finished?

Almost.

  1. You may want to lock the current package in order to prevent apt to replace ti with the one from Canonical. Using Synaptic browse to the package you just installed and then PackageLock Version. (Useless it seems)
  2. Ubuntu kernels are made so that you will have to redo this howto at every major release of Lucid kernel. If you haven’t understand what I just said, «yesterday it was working» is a good clue anyway.

Source: http://code.google.com/p/vaio-f11-linux/wiki/EnableMicrophone

Audio e microfono su Sony Vaio VPCS11E7E con Ubuntu 10.04

Italiano | English

AGGIORNATO (20-08-2010): Non è più necessario bloccare inutilmente il pacchetto.

Ho scoperto che ci si può riuscire anche senza cambiare kernel, quindi la vecchia guida è ufficialmente obsoleta.

Prerequisiti

Mio consiglio spassionato è di effettuare tutti gli aggiornamenti (o almeno tutti quelli di sicurezza), in modo da avere installata l’ultima versione del kernel 2.6.32 fornito da Ubuntu per Lucid.

Aprite un terminale e digitate:

sudo apt-get build-dep --no-install-recommends linux-backports-modules-alsa-$(uname -r)
sudo apt-get install fakeroot
mkdir mic ; cd mic

in modo da scaricare le librerie e i programmi necessari alla compilazione. Come potete vedere vi ho fatto creare una cartella di nome mic, in modo che venga più semplice cancellare la roba inutile una volta finita l’installazione.

Compilazione e installazione

apt-get source linux-backports-modules-alsa-$(uname -r)
wget -c http://vaio-f11-linux.googlecode.com/files/vaio-f11-mic-linein-linux-2.6.35.patch
cd linux-backports-modules-2.6.32-2.6.32/
patch updates/alsa-driver/alsa-kernel/pci/hda/patch_realtek.c ../vaio-f11-mic-linein-linux-2.6.35.patch

da inserire sempre nel terminale di prima, mi raccomando! Scaricati i sorgenti, la patch e infine applicata la patch ai sorgenti.

Modificate il numero di versione aggiungendo al file debian/changelog una riga come la seguente:

in questo modo apt considererà la nostra versione più recente di quella fornita da Ubuntu.

Potete ora procedere alla compilazione

fakeroot debian/rules binary flavours="generic"

la quale avrà bisogno di qualche minuto, poiché non ho trovato il modo di non fargli compilare anche i wireless backported (un aiutino?).

Appena avrà finito

sudo dpkg -i ../linux-backports-modules-alsa-2.6.32-*
rm -rf ../../mic

per installare il pacchetto e cancellare le cose che non ci serviranno più.

Note finali

  1. Per evitare che apt sostituisca ciò che abbiamo appena installato con la versione di Ubuntu, è una buona idea aprire Synaptic, andare fino al nostro pacchetto e selezionare PacchettoBlocca Versione. (Inutile, pare)
  2. Per come sono concepiti i kernel sotto Ubuntu, ad ogni major release del kernel di Lucid e ad ogni aggiornamento upstream dei backports dovrete eseguire nuovamente questi comandi. Se non avete capito quello che ho appena detto, il «prima andava e ora no» è comunque un buon sintomo.

Fonte: http://code.google.com/p/vaio-f11-linux/wiki/EnableMicrophone

Sony Vaio VPCS11E7E + Ubuntu

Visto che sono ricco sfondato qualche mese fa ho comprato un portatile, un Sony Vaio VPCS11E7E.

Perché un Sony Vaio, che sono i computer meno compatibili con Linux? Perché non lo sapevo. :D

Questo non significa che se potessi tornerei indietro (anche se inizialmente ci ho pensato su), in fondo se l’ho scelto devono pur esserci dei motivi:

  • Schermo a LED da 13″, 1366×768 16:9 perfetto per guardare gli anime anche col solo che punta diretto su di esso;
  • Scheda video NVIDIA GeForce 310M non eccellente ma molto buona;
  • Tastiera retroilluminata con tasti separati, non indispensabile ma comoda;
  • Touchpad multitouch, che su Windows è una vera e propria porcata;
  • Più di 4 ore di durata massima della batteria dichiarata.

Che poi su Ubuntu vadano tutte queste cose è un altro discorso. Perché vi ho parlato di questo? Perché un po’ alla volta, leggendo qua e là, sto riuscendo a fare andare tutte le cose di cui più mi preme e mi piacerebbe raccoglierle in un unico blog in modo che siano più facilmente accessibili (aggiornerò anche linuxlaptop e simili, prima o poi).

Da oggi inauguro quindi la sezione VPCS11E7E.

Creare un nuovo utente con home cifrata in Ubuntu 10.04

Tempo fa, durante una qualche Alpha di Lucid Lynx, notai che era stata aggiunta la possibilità di creare un utente con home cifrata al gestore degli utenti di Ubuntu. Per una ragione o per l’altra questa feature non mi interessava più di tanto, e l’ho un po’ persa di vista. L’ho persa di vista a tal punto che oggi mentre la cercavo non sono riuscito più a trovarla. :P

Sbaglierò, ma secondo me manca qualcosa

Chiaramente la soluzione è su tanti forum e blog, ma come sempre quando non si sa di preciso cosa cercare… Per prima cosa dobbiamo installare il pacchetto ecryptfs-utils:



sudo apt-get install ecryptfs-utils

Prima e ultima, a dire il vero. Riapriamo il gestore di utenti, et voilà!

Lo sapevo!